Orrick Finance Italy – CELF Weekly Newsletter

CELF - Center of European Law & Finance | July.08.2020

Indice:

*Qualora l’accesso a taluni documenti non fosse consentito, chi è interessato alla consultazione potrà contattare via e-mail, al seguente indirizzo [email protected], il Direttore del CELF.


VIDEO

CELF Talks:
Il Fondo di Garanzia PMI nella normativa emergenziale

Ne discutono:

Bernardo Mattarella, Amministratore delegato di Banca del Mezzogiorno-MCC

Patrizio Messina, Head of Finance Group Orrick

Clicca qui per vedere

CELF Talks:
Il credito cooperativo a poco più di un anno dalla costituzione dei gruppi

Ne discutono:

Augusto dell’Erba, Presidente di Federcasse

Patrizio Messina, Head of Finance Group Orrick

Clicca qui per vedere

CELF Talks:
Garanzia Sace ai tempi del Covid-19: caratteristiche, vincoli e possibile estensione alle operazioni di minibond e di cartolarizzazioni

Ne discutono:

Rodolfo Errore, Presidente di Sace S.p.A

Patrizio Messina, Head of Finance Group Orrick

Clicca qui per vedere

TOP 

COVID -19

Agenzie delle entrate: Decreto Rilancio

Provvedimento dell’Agenzie delle entrate in riferimento alle modalità di attuazione delle disposizioni di cui all’articolo 122, comma 2, lettere a) e b), del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34, in tema di cessione dei crediti d’imposta riconosciuti da provvedimenti emanati per fronteggiare l’emergenza da COVID-19.

Clicca qui

Abi: comunicato stampa

L’ABI ha pubblicato una circolare nella quale comunica la proroga dal 30 giugno al 30 settembre della possibilità di usufruire delle moratorie (famiglie, imprese, enti locali) che il settore bancario ha attivato per sostenere i clienti in difficoltà a causa dell’emergenza Covid-19.

Clicca qui

Sace: comunicato stampa

SACE e Assifact, l’Associazione Italiana per il Factoring, annunciano l’avvio dell’operatività anche per il factoring di “Garanzia Italia”, lo strumento previsto dal Decreto Legge “Liquidità” n. 23/2020 per sostenere, attraverso la garanzia di SACE e la controgaranzia dello Stato, la continuità operativa e la ripartenza delle attività economiche e d’impresa danneggiate dall’emergenza Covid-19.

Clicca qui

Mef: comunicato stampa

È in via di predisposizione il decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze che, a causa dell’emergenza sanitaria connessa alla pandemia COVID-19, dispone il differimento dal 30 giugno 2020 al 30 settembre 2020 del termine per la comunicazione all’Agenzia delle entrate delle informazioni sui conti finanziari per l’anno 2020 (relative al periodo di reporting 2019) da parte delle istituzioni finanziarie italiane.

Clicca qui

Banca d’Italia: nota

È online la nota "ESG Risk in times of Covid-19", curata da ricercatori della Banca d'Italia.

Clicca qui

Banca d’Italia: comunicazione

La Banca d’Italia dà attuazione agli Orientamenti dell’Autorità bancaria europea (EBA) relativi agli obblighi di segnalazione e di informativa al pubblico sulle esposizioni oggetto di misure applicate alla luce della crisi Covid-19 (EBA/GL/2020/07).

Clicca qui

Bis: relazione

La Banca dei Regolamenti Internazionali (BIS) ha analizzato nella Relazione economica annuale le modalità con cui le banche banche centrali hanno fatto fronte all’attuale situazione emergenziale sotto il profilo delle politiche monetarie adottate e delle misure orientate a finanziare settori privati non bancari.

Clicca qui

Commissione europea: aiuti di Stato

La Commissione europea ha adottato una terza modifica al quadro temporaneo per gli aiuti di Stato adottato il 19 marzo 2020 al fine di estenderne l'ambito di applicazione. Infatti, la modifica al quadro temporaneo offre agli Stati membri la possibilità di adottare forme di sostegno pubblico a favore di tutte le microimprese e piccole imprese, anche quelle che si trovavano già in difficoltà finanziarie al 31 dicembre 2019, a condizione che non siano interessate da procedure di concorsuali per insolvenza, o non abbiano ricevuto aiuti per il salvataggio che non sono stati poi rimborsati o non siano soggette a un piano di ristrutturazione ai sensi delle norme sugli aiuti di Stato. La modifica, inoltre, aumenta le possibilità di sostenere le start-up.

Clicca qui

TOP 

ALTRI AGGIORNAMENTI NORMATIVI E REGOLAMENTARI

Comitato di Basilea: consultazione

Il Comitato di Basilea per la Vigilanza Bancaria ha posto in pubblica consultazione una proposta di modifica alla propria regolamentazione prudenziale con particolare riguardo al trattamento delle operazioni di cartolarizzazione dei crediti bancari deteriorati (NPL).

Clicca qui

Comitato di Basilea: linee guida

Il Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria (BCBS) ha aggiornato le proprie Linee guida sulla corretta gestione dei rischi legati al riciclaggio di denaro e finanziamento del terrorismo.

Clicca qui

Comitato di Basilea: faq

Il Comitato di Basilea per la Vigilanza Bancaria ha pubblicato nuove FAQ relative al quadro normativo prudenziale sui requisiti minimi di capitale.

Clicca qui

ISDA: comunicato stampa

L’International Swaps and Derivatives Association ha predisposto una raccolta di clausole per assicurare maggiore standardizzazione delle condizioni negoziali dei contratti derivati.

Clicca qui

Commissione europea: consultazione

La Commissione europea ha posto in pubblica consultazione un documento sulla possibile revisione del quadro prudenziale previsto dalla Direttiva 2009/138/CE (Solvency II).

Clicca qui

GUUE: comunicazione

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea la Comunicazione del rinvio dell’entrata in applicazione delle disposizioni del MiFIR in materia di libero accesso per quanto riguarda gli strumenti derivati negoziati in borsa.

Clicca qui

Eba: linee guida

L’Eba ha pubblicato specifiche linee guida sul trattamento dello “structural FX” ai sensi dell’art. 352(2) del Regoamento Regulation (UE) n. 575 del 2013 (CRR).

Clicca qui

Eba: discussion paper

L’EBA ha pubblicato un discussion paper che vaglia le diverse ipotesi operative finalizzate a migliorare il quadro disciplinare delineato dalla direttiva sul risanamento e la risoluzione delle crisi bancarie (BRRD) in materia di intervento precoce.

Clicca qui

Eba: linee guida

L’EBA ha pubblicato specifiche linee guida sul trattamento delle posizioni strutturali in valuta estera.

Clicca qui

Bce: consultazione

La BCE ha annunciato l’avvio di una consultazione pubblica in ordine ai criteri per valutare i progetti di fusione delle banche europee (consolidation).

Clicca qui

TOP 

GIURISPRUDENZA

Corte di Cassazione, ordinanza n. 13187 del 30 giugno 2020 –Fallimento – riunincia del creditore

L'atto di rinuncia alla domanda di fallimento dell'unico creditore non ha effetto se arriva quando il provvedimento è già stato inviato telematicamente in cancelleria.

Clicca qui

Corte di Cassazione, ordinanza n. 13484, del 2 luglio 2020 – credito cooperativo – profili di incostituzionalità

In materia di credito cooperativo, il pagamento del 20% del patrimonio netto come tributo straordinario a titolo di affrancamento delle riserve, si pone in oggettivo contrasto con la stessa esigenza di consolidamento della struttura del credito cooperativo, colpendo un ente che, pure a seguito delle modifiche statutarie, conserva la sua natura di cooperativa a mutualità prevalente cui, anche a livello europeo, viene tradizionalmente riconosciuta una ridotta capacità contributiva. Di qui il rinvio alla Corte Costituzionale.

Clicca qui

Corte di Cassazione, sentenza n. 11908 del 19 giugno 2020 – penale – interesse del creditore

Ai fini dell’esercizio del potere di riduzione della penale, il giudice non deve valutare l’interesse del creditore con esclusivo riguardo al momento della stipulazione della clausola – come sembra indicare l’art. 1384 cod. civ., riferendosi all’interesse che il creditore “aveva” all’adempimento – ma tale interesse deve valutare anche con riguardo al momento in cui la prestazione è stata tardivamente eseguita o è rimasta definitivamente ineseguita, poiché anche nella fase attuativa del rapporto trovano applicazione i principi di solidarietà, correttezza e buona fede, di cui agli artt. 2 Cost., 1175 e 1375 cod. civ., conformativi dell’istituto della riduzione equitativa, dovendosi intendere, quindi, che la lettera dell’art. 1384 cod. civ., impiegando il verbo “avere” all’imperfetto, si riferisca soltanto all’identificazione dell’interesse del creditore, senza impedire che la valutazione di manifesta eccessività della penale tenga conto delle circostanze manifestatesi durante lo svolgimento del rapporto

Clicca qui